venerdì 7 novembre 2014

Bomboloni alla crema


Da parecchio tempo mi promettevo di farli, poi il solo pensiero di friggere e di avere in casa quell'odore da sagra di paese mi faceva cambiare idea.
Ma dovevo...... erano la mia colazione fissa nell'estate del lontano 1994 quando feci la prima vacanza da sola a Jesolo e magnavo di tutto senza pianti da coccodrillo.
Dovessi farlo adesso ogni bombolone andrebbe ad ancorarsi su glutei, cosce e fianchi e poi chi se li scrolla di dosso ??!!!
Mai una volta che un filo di  grasso finisca su quella pianura padana che mi ritrovo,  chiamata.....seno. 
Il bombolone è un dolce toscano di pasta fritta e cosparso di zucchero, spesso viene erroneamente chiamato krapfen o bomba, ma ha una preparazione e un gusto unico e diverso.
La ricetta è del pasticcere Andrea Aiello..... le sue preparazioni sono sempre una garanzia.

Ingredienti per circa 20 pezzi
biga
100gr di farina forte w300
10gr. di lievito
5gr. di zucchero
35gr. di acqua
impasto
biga
500gr. di farina w300
150gr. di burro
100gr. di zucchero
375gr. di uova
zeste di 1 limone
1 bacca di vaniglia
5 gr. di sale
crema pasticcera
400ml di latte intero
100ml. di panna
150gr. di tuorli d'uovo
150gr. di zucchero
20gr. di amido di mais
20gr. di amido di riso
1 bacca di vaniglia

olio di semi d'arachide per friggere
zucchero semolato q.b per la rifinitura

Preparazione
Preparare la biga impastando gli ingredienti elencati.
Mettere in un contenitore, coprire con pellicola e far lievitare per 24 ore alla temperatura di 20° circa.
Trascorso il tempo necessario preparare l'impasto mettendo nella planetaria la biga con la farina, lo zucchero, le uova e gli aromi.
Impastare fino a completa incordatura, aggiungere il sale e per ultimo il burro morbido poco per volta.
Non aggiungere la dose successiva di burro, fino a quando l'impasto non avrà assorbito completamente quella precedente.
Trasferire il tutto su di un piano da lavoro leggermente infarinato e finire di impastare aiutandovi con le mani, dando una forma a palla.
Rimettere la pasta in un contenitore coperto con pellicola e far lievitare in frigorifero dalle 12 alle 14 ore.
Preparare la crema pasticcera, e per le spiegazioni vi rimando qui  
Riprendere l'impasto dal frigorifero e farlo acclimatare a temperatura ambiente per circa 1 ora.
Rovesciare la pasta sul piano da lavoro infarinato e stenderla con il mattarello, mantenendo uno spessore di circa 1 cm. e con l'aiuto di un taglia pasta, formare dei cerchi di 5/6 cm di diametro.
Riporli su di un canovaccio infarinato, coprire e far lievitare i dischi di pasta per un ora.
Portare l'olio alla temperatura di 180° e immergere pochi dischi per volta rigirandoli un paio di volte.
Quando i bomboloni saranno dorati, scolarli su della carta assorbente e passarli subito ancora caldi nello zucchero semolato.
Quando saranno tiepidi riempiteli con la crema aiutandovi con una sacca da pasticcere.
Mi raccomando non abusate !!!

9 commenti:

  1. Ne parlavo ieri con mio marito, lui mi diceva (ormai me lo ripete spesso ultimamente): 'ma quando mi fai i bomboloni?'...ed io serafica 'quando trovo la ricetta giusta'...in realtà temporeggiavo per il tuo stesso dilemma, la casa odorante di fritto....ora vengo qui e trovo questa ricetta....e mi hai messo una voglia assurda....troverò il tempo per provarla, così accontento anche mio marito, quindi grazie per averla condivisa ;-)

    RispondiElimina
  2. beh..che dire.. perfettiiiiiiiiiiiii!! super golosi.. li voglioooooooooooo!!!!

    RispondiElimina
  3. troppo troppo buoni e belli,che voglia,felice sera

    RispondiElimina
  4. Sono semplicemente fantastici!! fanno venir voglia di addentare lo schermo.... no, mi trattengo
    Grazie per la ricetta...e per la raccomandazione!!

    RispondiElimina
  5. Ma Chiara, non puoi darci questa ricetta meravigliosa e poi scrivere "non abusarne"... Ma come si fa?!? Io te li azzannerei tutti! Grazie, un bacio

    RispondiElimina
  6. Non mi puoi fare questo di sabato mattina dopo aver fatto colazione con qualcosa che non si avvicina minimamente alla bontà dei tuoi bomboloni. Oltretutto in un fine settimana in cui mi è stato vietato di fare dolci (la mia dolce metà tiene alla sua forma fisica, quindi proteine si, zuccheri no....che vitaccia).
    Bravissima comunque! Mi tenti sempre con i tuoi piatti. La parmigiana mi è rimasta tatuata nella mente.

    RispondiElimina
  7. è una vita che anch'io cerco di farli, i tuoi sono perfetti e chi se ne importa se si depositano dove non devono depositarsi, strappettino alla regola? ;)

    RispondiElimina