giovedì 11 agosto 2016

Pomodori ripieni di riso


Dopo un periodo di assenza ritorno con una ricetta tipicamente estiva e mediterranea, i pomodori ripieni di riso accompagnati dalle patate sono un piatto unico e di facile esecuzione, si possono preparare in anticipo e serviti anche tiepidi.
Per la buona riuscita del piatto bisogna usare il pomodoro rosso ramato che dovrà essere bello sodo, altrimenti in fase di cottura tenderà a disfarsi.
Il riso dovrà marinare nel liquido dei pomodori il tempo necessario perché si ammorbidisca e prenda il sapore degli aromi, "io li ho tenuti almeno 2 ore" ma tutto sommato rimane comunque un piatto semplice, veloce, gustoso e sempre di successo. 

Ingredienti per 2/3 persone
6 pomodori ramati
3 patate di media grandezza
140 gr. di riso arborio
1 spicchio d'aglio
foglie di basilico
olio
sale e pepe

Preparazione
Dopo aver lavato i pomodori tagliare la calotta superiore e conservarla.
Con l'aiuto di un cucchiaino, svuotare i pomodori dalla loro polpa interna che metterete in una terrina.
Salare leggermente l'interno dei pomodori e mettere da parte.
Schiacciare con le mani la polpa che avete tolto e condire con sale, pepe, lo spicchio d'aglio tritato ( io l'ho diviso a metà per poi scartarlo) e le foglie di basilico tritate.
Aggiungere il riso e amalgamare bene il tutto.
Tenere a macerare per circa 2 ore in frigorifero.
Sbucciare le patate e tagliarle a spicchi non troppo piccoli, metterle in una ciotola e condire con un filo d'olio, sale e pepe, lasciandole poi insaporire anche loro per 2 ore.
A questo punto riprendere i pomodori e riempirli con il riso, posizionare sopra la loro calotta e adagiarli su di una teglia leggermente unta.
Distribuire in mezzo ai pomodori gli spicchi di patate e condire ancora con un filo d'olio e una macinata di pepe fresco.
Cuocere in forno a 180 ° per circa 1 ora a forno ventilato, fino a quando le patate risulteranno cotte 
   

2 commenti:

  1. Avevo già addocchiato questo tipo di preparazione, ma poi mai provata.
    ora che me la trovo qui da te, spiegata bene e semplicemente, con foto che mi mette l'acquolina in bocca...mmmh...è venuta l'ora di provare a farla!

    RispondiElimina