venerdì 27 novembre 2015

Pizzette bianche di nonna Nina


Queste pizzette sono un ricordo d'infanzia a cui io sono molto legata.
Era la merenda che la mia adorata nonna mi preparava quando trascorrevo da lei le mie vacanza estive.
Gli ingredienti sono davvero semplici Acqua , farina , sale  e olio 
Semplice e vera come era Lei che mi ha amato come una mamma 
anche di più !!
Ho passato con lei troppo poco tempo ma quel poco è stato talmente intenso e pieno d'amore che ogni giorno che passa il suo ricordo è sempre più vivo, scalfito nella mia anima e nel mio cuore.
Ricordo ancora i profumi della sua casa e persino quello della tovaglia pulita, i sapori del cibo che cucinava, e l'odore della pasta fresca che puntualmente ogni giorno preparava.
Spesso ripropongo le sue ricette e quelle della tradizione tuscanese, ma quando preparo le pizzette bianche è come se l'avessi a fianco, capita che mentre le mangio chiudo gli occhi e rivivo quel momento di 32 anni fa 
me piccina seduta sulla sedia della cucina, che con le dita unte e leggermente salate dico
"Nonna fammene ancora un altra "
perché allora come adesso non smetterei mai di mangiarle.

Ingredienti per 5 pizzette
250gr. di farina 0
300ml. di acqua
1 cucchiaio d'olio evo
sale q.b

Preparazione
In una ciotola versare la farina e con una frusta aggiungere poco per volta l'acqua stando attendi a mescolare bene e non formare grumi.
Aggiungere l'olio, aggiustare di sale ( l'impasto deve risultare abbastanza saporito, ma non salato)
Amalgamare ancora bene il tutto e mettere da parte.
Prendere una padella antiaderente del diametro di circa 24 cm, ungerla leggermente con un filo d'olio.
Scaldare e versare un mestolo di composto nella padella calda.
Cuocere a fuoco medio per circa 7/8 minuti, sollevare la pizzetta e girarla dall'altro lato ungendo sempre leggermente il fondo della padella.
Servirle calde e nel caso ci fosse  bisogno cospargere ancora la superficie con un pizzico di sale.
Mi raccomando si mangiano rigorosamente con le mani 


2 commenti:

  1. Mi sarei leccata le dita e avrei chiesto il bis (e il tris e il quatris ^_^) anche io ^_^ Il potere della semplicità e la forza dei ricordi, che meraviglia!! Complimenti Chiara.
    Un abbraccio grande grande, nella speranza che oggi possa sentirti nel posto giusto. E giusta.

    RispondiElimina
  2. Grazie Erica, un bacione anche a te che passi sempre di qui a lasciarmi un saluto

    RispondiElimina