domenica 30 agosto 2015

Pesche sciroppate


Siamo sul finire dell'estate, tempo di conserve, e da brave formichine ci prepariamo la scorta per l'inverno.
Le pesche sciroppate sono un classico facile ed economico potete mangiarle semplicemente da sole, assaporarle con creme o gelato per non farsi mancare un assaggio d'estate anche nei mesi invernali.
La scelta della pesca è importante, non devono essere ne  troppo mature e ne troppo dure
un giusto compromesso, e la polpa deve essere succosa e profumata.
Mi raccomando quando fate qualsiasi tipo di conserva sterilizzate bene i barattoli e non usate mai i tappi riciclati !!! 

Ingredienti 
2kg. di pesche gialle 
400gr. di zucchero
1l. di acqua

Preparazione
Per prima cosa preparare lo sciroppo mettendo in una pentola la quantità di zucchero e l'acqua 
Accendere il fuoco a fiamma moderata e continuare a mescolare.
Quando l'acqua sarà ritornata trasparente e lo zucchero si sarà completamente sciolto, spegnere il fuoco e lasciare raffreddare.
Lavare bene le pesche, pelarle e togliere le parti con le imperfezioni, cercando di lasciare le pesche intatte.
Preparare i vasetti che avrete precedentemente sterilizzato ( qui potete trovare la spiegazione per la sterilizzazione ).
Tagliare le pesche a metà, mettere la prima fetta sul fondo con la parte tagliata verso il basso, facendo in questo modo le altre si distribuiranno più facilmente. 
Cercare di fare un po' di pressione per non lasciare troppi spazi vuoti tra una pesca e l'altra ( non preoccupatevi perché in cottura il volume delle pesche diminuirà notevolmente )
Riempire il vasetto fermandovi a circa 2 cm. dal bordo, con un mestolo versare lo sciroppo fino a coprire per bene le pesche, togliere eventuali bolle d'aria e chiudere i vasetti cercando di avvitare con forza.
Avvolgere i vasetti con dei canovacci da cucina e riporli in un pentola abbastanza alta.
Riempire d'acqua fino a coprire i vasetti e portare a bollore.
Quando l'acqua inizia a bollire dopo circa 5 minuti, spegnere il fuoco.
Aiutandovi con un quanto da forno e un cucchiaio di legno, far leva sotto i barattoli e toglierli  immediatamente, riporli a testa in giù su di un panno e coprirli fino a farli lentamente  raffreddare.
Quando saranno freddi, capovolgerli e conservarli in un luogo fresco e al buio.
Si conservano anche per 12 mesi e una volta aperti si tengono in frigorifero fino ad un massimo di 3/4 giorni




4 commenti:

  1. E brava formichina! ottima idea per trattenere i sapori dell'estate.
    Ciao a presto!

    RispondiElimina
  2. Grandissima idea, non avevo mai sentito nessuno che le preparasse in casa! Chissà che meraviglia mangiarsele d'inverno :) (soprattutto senza conservanti artificiali!)

    RispondiElimina
  3. essì chi non si squaglia di gioia davanti a sane pesche sciroppate magari a dicembre? anche io le ho preparate il mese scorso, una golosità semplice ma irrinunciabile!

    RispondiElimina
  4. Quest'anno non li ho preparati, ma quasi ogni anno mettevo da parte qualche baratolo, solo che ho nella dispensa ancora da smaltire qualcuno.E' bello sapere che si fanno ancora provvigioni per l'inverno ed è una grande soddisfazione. Bravissima !

    RispondiElimina