lunedì 16 marzo 2015

Cantucci o biscotti di Prato


I cantucci o biscotti di Prato, sono un vanto della tradizione toscana e sono dei biscotti alle mandorle.
La loro particolarità è la doppia cottura, prima nella forma di un filone che viene tagliato a fette e poi fatti tostare in forno.
Essendo dei biscotti secchi vengono serviti a fine pasto inzuppati nel vin santo per farli ammorbidire, io essendo astemia li ho sempre mangiati al naturale o inzuppati nel latte mi ricordano tanto la mia infanzia quando mia nonna mi preparava i tozzetti, dolcetti tipici del viterbese molto simili hai cantucci ma con l'unica differenza che al posto delle mandorle vengono usate le nocciole e talvolta arricchiti anche da pezzetti di cioccolato,  ma di questi ne parleremo più avanti.

Ricetta tratta dal libro " Eataly"

Ingredienti per circa 20 biscotti
90gr. di mandorle non pelate
110gr. di uova
135gr. di zucchero
60gr. di burro fuso
225gr. di farina 00
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1 uovo per la rifinitura

Preparazione
Scaldare il forno a 180° e tostare le mandorle per circa 10 minuti o fino a quando diventano leggermente dorate, metterle da parte e farle raffreddare.
In una ciotola sbattere con le fruste elettriche le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, aggiungere il burro fuso raffreddato e mescolare fino a quando non si è ben amalgamato.
Aggiungere la farina e il lievito setacciati, mescolare bene e poi per ultimo aggiungere le mandorle.
Lasciar riposare l'impasto in frigorifero per almeno 2 ore.
Trasferire l'impasto su di un piano di lavoro leggermente infarinato e dare la forma di un filone, spennellare la superficie con l'uovo leggermente sbattuto.
Cuocere il filone nel forno caldo a 180° per 20 minuti.
Lasciarlo raffreddare e poi tagliarlo a fette diagonali spesse 1 cm.
Disporre le fette su di una teglia rivestita di carta forno e farle tostare in forno a 180° girandole una volta fino a quando non saranno dorate.

7 commenti:

  1. Che buoni i cantucci ed è un pò che non li faccio. Anche a me piace mangiarli così come sono senza inzupparli nel vino. Sono buoni da sgranocchiare ogni qual volta si passa vicino a loro, perché uno tira l'altro ! Felice settimana !

    RispondiElimina
  2. Ottimi da sgranocchiare o inzuppare,grazie,buon inizio settimana

    RispondiElimina
  3. Ahhhh i cantucci ^_^ ! Ne ho mangiati a palate e ancora ne immaigno il profumo . . .che bontà !

    RispondiElimina
  4. Non solo sono un vanto di Prato, sono un vanto dell'Italia intera, irriproducibili ed irripetibili... S'è capito che mi piacciono tanto tanto???

    RispondiElimina
  5. da chi sa quanto tempo dico, che voglio provare finalmente a farli.. e poi chi sa dove mi perdo. Visitando toscana non me li perdo mai e la tua versione sembra ottima!

    RispondiElimina
  6. buoni i cantucci pucciati nel vin santo! ciao ciao

    RispondiElimina