domenica 18 agosto 2013

Pavlova


La pavlova è un dolce di origine australiana, ispirato alla ballerina russa Anna Pavlova.
La base è costituita da una meringa, coperta di panna montata e decorata con frutta fresca.
La difficoltà di questo dessert  è quella di riuscire a preparare una meringa dorata, croccante all'esterno e molto soffice all'interno.
L'abbinamento frutta fresca e panna, rende la pavlova un dolce dal sapore particolare e davvero goloso.
Io ho deciso di farla con le more, perchè proprio qualche giorno fa andando a correre ho fatto un incontro davvero speciale, anzi oserei dire strepitoso !!!!



Nella campagna vicino casa , in un posto abbandonato e sperduto in mezzo ai campi, ho scoperto una parete sommersa da un rovo di more; non vi dico che male alle dita per poterle raccogliere, ma oramai avevo deciso....... dovevano essere mie a tutti i costi, ed ecco il risultato di questa fatica !!!
Provatela e guarnitela come più vi suggerisce la vostra fantasia.

                Un grazie a tutti voi che sempre mi seguite  

INGREDIENTI per 8 pezzi :
100gr.di albume
100gr.di zucchero a velo
100gr.di zucchero superfine
1 cestino di more
1 cucchiaio di zucchero di canna
400ml.di panna liquida fresca
zucchero a velo

PREPARAZIONE:
Accendere il forno a 100° e preparare una teglia rivestita di carta forno.
Versare gli albumi in una ciotola o nella planetaria e aggiungere metà dello zucchero a velo  emetà dello zucchero superfine.
Montare a neve, insistendo fino a che gli albumi saranno ben fermi e gonfi.
Setacciare la parte restante degli zuccheri sopra gli albumi montati a neve e incorporarli con una spatola di silicone.
Trasferire il tutto in una sac a poche con bocchetta a stella.
Formare  8 nidi ( con il buco in mezzo )  direttamente sulla teglia  e infornare a 100° per 75 minuti.
Sfornare le meringhe e farle raffreddare direttamente sulla teglia prima di staccarle.
Mettere le more ( o qualsiasi altra frutta) in un pentolino con un cucchiaio di zucchero di canna e uno di acqua.
Cuocere per 7/8 minuti, sino a che saranno morbidi e coperti di sciroppo.
Lasciare raffreddare.
Montare la panna usando una frusta elettrica.
Assemblare le pavlove solo al momento di servirle mettendo un nido in ogni piatto, versare la panna montata e la frutta sciroppata e cospargere poi con zucchero a velo.









10 commenti:

  1. A parte che, come sai, i rovi sono 'casa' per me; a parte che adoro le more.. a parte sono rimasta in silenzio almeno due minuti quando ho visto queste pavlove.. devo dire che sono SPETTACOLARI. Perfette, rapiscono solo a guardarle!! Un bacione Kiaretta, ti sei superata! :D

    RispondiElimina
  2. Adoro le meringhe e le tue sono spettacolari! Con tutta quella frutta fresca poi!!! Divine!

    RispondiElimina
  3. Sogno sempre di farla ma poi rinuncio dovrei mangiarla solo io e non merita la fatica ne potrei da sola tanto zucchero le meringhe maritozzo le definisce farina.... bella ricetta brava e buona settimana.

    RispondiElimina
  4. Ciao ma sono davvero fantastiche! Complimenti! Un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  5. bellissime queste pavlove...dovrò decidermi a farle anch'io! complimenti!

    RispondiElimina
  6. Un dolce che non ho ancora mai provato a fare, anche se amo moltissimo la meringa, dovrò provare.
    Grazie sono magnifiche!!
    Un saluto

    RispondiElimina
  7. Ciao kiara!!! un dolce che mi riprometto di fare ma che poi....cmq bellissimo e buonissimo!!! a presto!!!

    RispondiElimina
  8. Ciao Kiara!!!! Ho visto le foto di questa meraviglia su Facebook e ne sono rimasta incantata! E' bellissima!!!! Ascolta tesorina se ci trovassimo giovedì pomeriggio, verso le 17,30 ti andrebbe bene???? Dove??? Ti ho scritto ora e qui perchè ho paura di dimenticarmene! Mandami un mex su Fb o dove vuoi! Bacione

    RispondiElimina
  9. Che bellezza questa torta! Sarà perchè è DELIZIOSA per il palato e una gioia per gli occhi... fantastiche foto! brava! :-)
    Ciao MARI

    RispondiElimina
  10. Ciao Kiara, bellissime le tue paplova. E poi vuoi mettere le more raccolte da te? Non ho mai provato a fare la paplova... ma mi ispira la sua raffinatezza!
    Un caro saluto e a presto, Ada.:)

    RispondiElimina