sabato 4 maggio 2013

Risotto al malvasia mantecato alla raspadura


La raspadura per chi non lo sapesse è un modo di servire il formaggio grana presentandolo come sottilissime sfoglie, raschiate con un particolare coltello da una forma di granone lodigiano, oppure di qualunque formaggio grana giovane, stagionato dai 4 ai 6 mesi.
E' un elemento tipico della gastronomia lodigiana, ma è anche diffusa nelle province limitrofe.
La raspadura viene solitamente servita come antipasto, spesso accompagnata con salumi, ma può anche essere utilizzata per guarnire primi piatti come in questo caso il risotto.
La raspadura , nacque come cibo povero e in passato veniva ricavata da forme di grana imperfette, mentre oggi sono impiegate forme d'alta qualità, stagionate per essere tagliate senza sfaldarsi.
In molti paesi del lodigiano nei giorni di mercato si può ancora assistere alla raspada, ossia l'operazione che fa nascere la raspadura.
Se passate da Lodi non fatevi mancare questa particolarità !!!

INGREDIENTI:
400gr.di riso
1/2 cipolla
1 bicchiere di Malvasia
1/2 l. di brodo vegetale
2 cucchiai di olio evo
1 noce di burro
50gr.di raspadura più quella per guarnire
sale

PREPARAZIONE:
Tritare molto finemente la cipolla e farla appena imbiondire in una casseruola con 2 cucchiai di olio evo.
Aggiungere il riso e, mescolando con un cucchiaio di legno farlo tostare per 5 minuti a fuoco basso, fino a quando i chicchi saranno lucidi e quasi trasparenti.
Versare nella casseruola il bicchiere di Malvasia ( tenendone da parte almeno un dito per la mantecatura finale) e sfumare.
Portare poi a cottura il riso aggiungendo poco per volta il brodo fino a che il riso sarà cotto al dente , restando piuttosto morbido.
Regolare di sale e fuori dal fuoco procedere con la mantecatura aggiungendo la noce di burro la raspadura e il Malvasia rimasto.
Servire immediatamente cospargendo nei singoli piatti ancora della raspadura a piacere

7 commenti:

  1. Veramente un bel risotto!!! Mi segno la ricetta! :D
    Complimenti e buon fine settimana! :)

    RispondiElimina
  2. che squisitezzaaaaaaaa!! bravissima!!!

    RispondiElimina
  3. sembra un fiore quel formaggio, questo risotto è presentato veramente bene!!!!
    a presto Nahomi

    RispondiElimina
  4. Kiara, la parola "Malvasia" mi è saltata dallo schermo. Due anni fa, visitai il Ticino e stetti proprio a Malvasia, un dei paesini PIÙ belli che ho mai visto in vita mia. Scattai foto dopo foto dopo foto. E infatti, ci furono piccolo vigneti dappertutto. E bevvi il vino lì, ovviamente. Poi, vedendo questo tuo post, mi son reso conto che ci sia un vino col nome di Malvasia. Poi, ne ho letto all'Internet, e ho imparato che ci sono molti varietali sotto la categoria "Malvasia", provvenendo da molti vigneti in molti posti del mondo, ma NON dai vigneti di Malvasia!

    RispondiElimina
  5. Chiara davvero un risotto 10 e lode! Baci

    RispondiElimina
  6. ahhhh chiara! risotto favoloso...e grazie per queste info sulla raspadura ^_^ baci

    RispondiElimina
  7. Complimenti un signor risotto!!!! Buon lunedì

    RispondiElimina